Mettersi in moto e sensibilizzare alla prevenzione, nello stesso tempo. Flussi di persone in movimento tra natura e città per restare o tornare in salute.
Il progetto “Curati con stile”, promosso dalla diabetologia di Maniago, è tra i primi in classifica nel concorso nazionale sCORRE.

20/10/2017 - Soluzioni innovative per la salute dei cittadini potrebbe essere il motto dell’iniziativa sCORRE, con cui l’azienda farmaceutica Boehringer Ingelheim vuole sostenere e mettere in campo dei progetti di prevenzione cardiovascolare. Lo scopo è quello di migliorare la salute del cuore, grazie all’attività fisica e a uno stile di vita sano. Tra i progetti giunti alla fase di votazione, spicca "Curati-con-Stile", ideato dal dott. Ciro Antonio Francescutto di Maniago. Scopriamo di più.

Il concorso

L’obiettivo del concorso è quello di promuovere programmi che vadano oltre le semplici conferenze preventive, ma che sensibilizzino sul tema della salute e della prevenzione, mettendo realmente in movimento le persone e accrescendo la consapevolezza che la prevenzione passa anche da uno stile di vita sano, equilibrato e corretto. Si tratta di un’iniziativa che merita attenzione perché coinvolge attivamente i cittadini, chiamati a sostenere i diversi progetti attraverso un sistema di votazione basato sull’attività fisica da loro stessi svolta. Vediamo come.

Per verificare l’effettiva mobilità delle persone che scelgono di aderire alle diverse iniziative, i chilometri percorsi devono essere misurati con un contapassi, uno smartphone (tramite applicazioni come Accupedo, Strava, Runtastic e simili), un satellitare oppure con un altro strumento di rilevazione e poi condivisi, anche sotto forma di screenshot, sul proprio profilo social (Facebook, Instagram, Twitter) con l’hashtag del progetto a cui si vuole contribuire: l'hashtag da aggiungere per chi macinerà chilometri a piedi è #laprevenzionescorre #scorre18 #piedi , mentre per chi va bicicletta è necessario utilizzare #laprevenzionescorre #scorre18 #bici . La procedura è semplice e alla portata di tutti!

I chilometri condivisi saranno poi conteggiati da una giuria di merito: l’equazione è semplice, più chilometri documentati equivalgono a più punti. I progetti dichiarati vincitori riceveranno un contributo alla realizzazione da parte di Boehringer Ingelheim.

Le proposte candidatesi al concorso nazionale sulla promozione degli stili di vita sani, giunte da tutta Italia, sono state esaminate dall’azienda farmaceutica, che ne ha valutato in prima battuta la rispondenza al bando e quindi ridotte ad una rosa di 40 progetti, tra cui quello del dottor Francescutto.

Il progetto si trova ora nella fase di votazione che durerà fino al 30 novembre. A vincere sarà l’iniziativa che riuscirà a coinvolgere più persone: attualmente il progetto della città dei coltelli è al primo posto, seguito da progetti legati a città molto più densamente popolate, come Roma e Bologna. Puoi visualizzare i progetti e le classifiche e scoprire nel dettaglio le modalità per votare su: www.laprevenzionescorre.it/

Il progetto

Francescutto, laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Udine e specializzato in Medicina dello Sport a Trieste, dal 2008 lavora presso l’ospedale del capoluogo. Medico dello sport e diabetologo, da sempre è stato e continua ad essere attivo su vari versanti sportivi, portando avanti progetti e praticando attivamente la corsa e realizzando un “Parco Metabolico” di 590 percorsi in gran parte del territorio dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane per una lunghezza complessiva di oltre 5000 chilometri. La realizzazione di percorsi di diversa lunghezza e difficoltà, ha reso possibile la prescrizione dell’esercizio fisico come un farmaco.

Il nome del suo progetto potrebbe risultare ambiguo, ma è stato scelto perché curarsi è una “scelta che ti riguarda”, e nonsi tratta di “un atto di fede nei confronti del medico, assegnando a lui il ruolo di trovare il farmaco più giusto”. Però c’è anche chi“comprende che è necessario prendersi cura di sé, prima di recarsi dal dottore, poiché se tu stesso non ti vuoi bene, è difficile trovare un medico che te ne voglia di più e ti inviti ad essere consapevole e protagonista della tua salute”.

Per quanto riguarda la parola stile, essa è stata ripresa perché è proprio attraverso la modifica degli stili di vita che incideraidi più sulla qualità e sulla quantità dei tuoi anni. Da qui la necessità di rivalutare lo stile di vita personale come momento di produzione di salute, parte integrante e fondamentale della cura della persona. Giungeremo dunque insieme ad una cura fatta “con stile”, in cui tu non sei solo un paziente ingoiatore di pillole, ma sei consapevole dei tuoi problemi, te ne prendi carico, partecipi col tuo medico di fiducia ad individuare il percorso più adatto. Su un paziente consapevole, collaborativo e motivato dinnanzi a qualunque problema ci si trovi, la soluzione risulterà più facile, la cura sarà più breve e più efficace”.

Il dottor Francescutto nell’illustrare il suo progetto, continua affermando che la modifica degli stili di vita per prevenire e/o curare condizioni quali obesità, diabete, ipertensione, dislipidemia è una strada economica ed “ecologica”, che consente a tutti di guadagnare salute. Agire sulla motivazione diventa in quest’ottica il primo passo. Per saperne di più sul progetto e altre iniziative: http://www.curaticonstile.it/it/home.html

Valli e Dolomiti Friulane: un territorio sano e promotore di benessere psico-fisico

Quindi, se la salute vien camminando, perché non approfittare del nostro bel territorio per concederci una passeggiata, una corsa o un giro in bici, ottenendo importanti benefici e contribuendo al successo del progetto maniaghese, che promuove stili di vita sani?

Si tratta di un’iniziativa che bene si inserisce nelle linee guida e nelle iniziative di promozione della salute indicate nel Piano dell’Unione dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane: ragioni valide e finalità importanti, che hanno portato la nostra UTI alla decisione di supportare e farsi promotrice di questo progetto.

Le Valli e Dolomiti Friulane, oltre ad essere un territorio caratterizzato da un mosaico di bellezze naturali, è anche un luogo che dà molta importanza alla collaborazione, all’unione, agli stili di vita sani e alle proposte che contribuiscono a migliorare la salute, come in questo caso. L’iniziativa, infatti, unisce tutti questi elementi: aiuta a modificare gli stili di vita per prevenire e/o curare condizioni quali obesità, diabete, ipertensione e altre problematiche della salute, in un modo economico, ecologico, offrendo benefici reali e stimolando la motivazione delle persone a mettersi in moto, riscoprendo un territorio che non manca di stupire.

Ogni km percorso è importante! Contribuisci anche tu a far vincere questo progetto, mettiti in moto e macina chilometri, c’è tempo fino al 30 novembre!

Attualità Cultura Economia Giovani Sport

Condividi

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto