Una rassegna di incontri con gli scrittori di montagna nell'ambito del concorso dedicato ai giovani scrittori
Concorso letterario lo Sguardo dell'Aquila "Lo spazio (in) finito"

30/11/2017 - Ai nastri di partenza la 7° edizione del Concorso letterario rivolto a giovani autori a cura dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane. Tra le novità di quest’anno c’è in primis una serie di incontri con autori e scrittori di montagna che permetterà di spaziare all’interno della tematica di questa edizione ed assaporare le diverse sfaccettature dell’argomento.

Ad aprire la rassegna domenica 3 dicembre ci sarà Alessandra Beltrame, giornalista per i più importanti gruppi editoriali, passa la sua vita vivendo tra Udine e Milano e ha per ben due volte lasciato il così detto posto fisso per “vivere” e poi scrivere. Dal 2013 cammina e appena può si dedica a quest’attività in compagnia del suo cane.

Dalle ore 16.00 a Cimolais l’autrice presenterà il suo libro “Io cammino da sola”, volume è edito da Ediciclo Editore e racconta il viaggio della scrittrice lungo la Via Francigena, il modo in cui ha imparato a conoscersi ma soprattutto la scelta di riprendersi il diritto di essere libera. Un libro che narra come nella vita si possono fare delle scelte, non sempre condivise e che nascono dal profondo e portano una persona a intraprendere un viaggio interiore alla ricerca di un senso da dare alla propria vita.

Precede l’appuntamento una passeggiata letteraria alle ore 14.00 insieme all’autrice e agli esperti del territorio dal Parco delle Dolomiti Friulane lungo il “sentiero dei mulini”.

Dopo l’incontro con la Beltrame ci sarà anche la presentazione del Concorso a cura del Servizio Cultura dell'Unione e una degustazione di prodotti locali curata dell'Associazione culturale "Intorn al Larin" di Cimolais.

Per tutti i dettagli sull’incontro clicca qui.

Gli appuntamenti con i diversi scrittori si articoleranno nelle settimane del 2018 e vedono la partecipazione di molti giovani autori quali Giuseppe Festa con “Cento passi per Volare”, Nicolò Giraldi “Nel vuoto il cammino dei dimenticati”, Ilaria Tuti con i “Fiori Sopra l’inferno”, Mauro Daltin e “Il Punto Alto della Felicità”. Oltre ad autori nazionali non mancheranno gli scrittori locali. Alla chiusura del concorso e per la premiazione ci sarà l’autore Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega 2017, con il libro “Le Otto montagne”.

È possibile iscriversi al concorso presentando il proprio lavoro fino alle ore 12.00 del 28 marzo 2018. Non aspettare, cogli l’occasione e partecipa anche tu al concorso.

Per tutti i dettagli e per la registrazione al concorso puoi consultare questa pagina oppure contattare il servizio cultura scrivendo una mail a cultura@vallidolomitifriulane.utifvg.it o chiamando lo 0427 76038.

Il Concorso

Il Concorso letterario “Lo sguardo dell’Aquila” giunto alla sua 7° edizione si colloca tra gli eventi Post Festival all’interno del Festival dei Giovani delle Dolomiti Friulane. Il progetto ideato e curato dall’ UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e con il Patrocinio delle Fondazione Dolomiti Unesco si pone come obiettivo quello di stimolare la lettura e la capacità di scrittura dei giovani e dei loro talenti creativi, ma anche di favorire la conoscenza e la sensibilizzazione verso le tematiche della montagna.

Le categorie

Questa edizione presenta alcune particolari novità in merito alle sezioni ed al coinvolgimento delle scuole. Oltre alle categorie “Junior” (12-17 anni) e “Senior” (18-25 anni) la Sezione Scuole prevede il coinvolgimento delle Scuole Secondarie di primo grado e di Secondo Grado aventi sede nel territorio dell’Unione e nei Comuni di Ampezzo, Socchieve, Forni di Sotto e Forni di Sopra e delle Scuole Secondarie di Primo grado e di Secondo Grado aventi sede nel territorio nazionale che potranno inviare i loro racconti sia come singoli che come gruppo, per poi essere valutati come classe ed Istituto Scolastico.

Altre categorie sono quella “Territorio” a cui possono partecipare i giovani autori (12-21 anni ) residenti nel territorio dell’UTI e “Scrittori di Montagna” alla quale potranno iscriversi scrittori di tutte le età residenti nel territorio nazionale.

Quali i vincoli?

- È necessario presentare un racconto breve inedito in lingua italiana che riguardi gli spazi, la visuale, i territori, la gente, le tradizioni e gli usi e costumi della montagna, i sentimenti e le emozione che genera il vivere ed il frequentare la montagna in tutte le sue declinazioni.

- Mantenere il focus sul tema di questa edizione “Lo spazio (in) finito”, che si ispira allo spazio inteso come luogo di partecipazione, di coinvolgimento, discussione e confronto.

La giuria che avrà il compito di valutare i lavori presentati, sarà composta da insegnanti, esperti di comunicazione, rappresentanti dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane. I criteri di valutazione saranno: originalità, sviluppo e attinenza al tema e l’efficacia comunicativa.

La premiazione si svolgerà il 20 maggio 2018 a Cimolais ed i premi consisteranno per alcune sezioni in attività laboratoriali e per altre in denaro. I primi classificati, inoltre, avranno l’opportunità di alloggiare presso strutture dell’Albergo diffuso Valcellina Vajont e del Parco delle Dolomiti Friulane.

Attualità Cultura Economia Giovani Sport

Condividi

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto