Finanziamenti in arrivo per i cittadini dell’UTI delle Valli e Dolomiti friulane
Approvato il Bando Sicurezza 2017

16/08/2017 - Il nuovo bando approvato prevede contributi per l’acquisto, l'installazione e l'attivazione di sistemi di sicurezza. I cittadini potranno fare domanda per il finanziamento dal 1 settembre al 31 ottobre 2017.

Il miglioramento delle condizioni di sicurezza sul territorio è una delle priorità dell’UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane. Recentemente premiato a livello nazionale per il miglior progetto in tema di sicurezza stradale, il comandante capo del Corpo Intercomunale di Polizia Locale Luigino Cancian spiega le novità del bando 2017, le possibilità di finanziamento alle quali i cittadini potranno accedere e tutte le ulteriori innovazioni in programma.

Il bando 2017 permetterà innanzitutto la concessione di contributi per sostenere le spese per l’acquisto, l’installazione e l’attivazione di sistemi di sicurezza presso la casa di abitazione. La novità fondamentale di quest’anno è che non sussistono limiti di reddito per richiedere il contributo.

L’importo massimo di spesa ammesso sarà di 3.000 euro, e il contributo massimo erogabile pari al 50% della spesa ammessa, per interventi sostenuti (cioè pagati) tra il primo giugno e il 31 ottobre 2017. La domanda andrà presentata, unitamente al modello ISEE (necessario ai fini della formazione della graduatoria) al Comune di residenza dal 1 settembre al 31 ottobre 2017. A parità di ISEE, verrà data preferenza a chi risiede da maggior tempo nei comuni facenti parte l’UTI.

Il bando è la parte più corposa di una serie di interventi, finanziati dalla Regione FVG, la quale eroga contributi alle Unioni dotate di un corpo di polizia locale - come in questo caso - per la realizzazione di progetti locali, volti a favorire migliori condizioni di sicurezza sul territorio. Nell’ambito di questi finanziamenti, si prevede di acquistare anche un dispositivo per la lettura delle targhe, un automezzo dotato di ufficio mobile, nuovi ponti radio e apparecchiature.

Con le stesse modalità, è stato richiesto inoltre il sostegno alle spese di manutenzione ordinaria e pulizia dei sistemi di videosorveglianza e al loro miglioramento, alle spese del Corpo di polizia locale, sia proprie (postali, telefoniche, relative alle divise), che per i mezzi (dalla manutenzione delle apparecchiature al pagamento dei bolli auto).

Si tratta di interventi volti a una presenza capillare ed efficiente sul territorio, proprio in virtù dell’ampia estensione dell’Unione, volendo assicurare a tutte le realtà l’attenzione necessaria in un momento di scarsità di risorse disponibili.

Sottolineiamo che cittadini e Comuni facenti parte dell’Unione beneficeranno di questi contributi in forza del fatto di essere parte dell’UTI: il Programma regionale di finanziamento in materia di politiche di sicurezza per il 2017, destina infatti 2 milioni di euro agli interventi da parte delle Unioni Territoriali Intercomunali (UTI).

Il bando e il modello di presentazione della domanda (allegati in alto a destra) sono disponibili anche sul sito www.vallidolomitifriulane.utifvg.it. Per eventuali informazioni, è possibile contattare l’Ufficio del Corpo Intercomunale di Polizia Locale delle Valli e delle Dolomiti Friulane (Piazza Italia 18, Maniago – 0427 707217).

Attualità Economia

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto