54° Corso di Cultura in Ecologia del Centro Studi per l'Ambiente Alpino di San Vito di Cadore

01/06/2018 - Dal 4 al 6 giugno si terrà a San Vito di Cadore il 54° Corso di Cultura in Ecologia, intitolato “Uomo, Natura e Grandi Infrastrutture: una triade da ricomporre”.

Si svolgerà tra il 4 ed il 6 giugno 2018 la 54 esima edizione del Corso di Cultura in Ecologia, che dal 1972 si svolge presso il Centro Studi per l'Ambiente Alpino Lucio Susmel di San Vito di Cadore (Bl). 

Il Centro Studi si dedica alla ricerca e alla didattica nel campo delle Scienze Forestali, a fa  capo all'Università degli Studi di Padova, Dipartimento territorio e Sistemi agro-forestali TESAF.

Le iscrizioni chiudono oggi! Clicca qui per iscriverti.

Il Coso di Ecologia di quest'anno, è intitolato: Uomo, Natura e Grandi Infrastrutture: una triade da ricomporre. Il seminario è completamente gratuito e fornirà crediti formativi professionali e rientra, inoltre, nelle attività formative del Corso di Dottorato "Land Environment Resources and Health".

Le grandi infrastrutture (GI) determinano cambiamenti rilevanti sulle comunità locali e sulle relazioni trofico-funzionali degli ecosistemi interessati. Per questo è sempre più importante pensare, progettare e realizzare le opere con approccio ecologico, ossia olistico, in grado di valutare la complessità, le interrelazioni e la dinamica dei sistemi naturali e delle comunità locali.

Obiettivo del Corso è di presentare le più avanzate metodologie e dei casi studio che aiutino a definire schemi operativi e soluzioni per affrontare alcune tra le principali criticità che la costruzione di GI può generare.

Il primo giorno verrà dedicato alle procedure di analisi (quantitativa e qualitativa) degli impatti sugli ecosistemi; il secondo sarà dedicato alla ri-generazione delle GI come modalità di riutilizzo delle strutture che giacciono in stato di criticità ed sulle quali è necessario un ripensamento funzionale; il terzo alle possibilità di risoluzione dei conflitti che le GI determinano all’interno delle comunità locali.

Il corso quindi, con approccio tipicamente multidisciplinare ed intersettoriale, può essere di interesse per diversi settori professionali come agronomi e forestali, economisti, architetti e urbanisti, sociologi.

Tra gli ospiti invitati a raccontare la propria esperienza il 5 giugno, il Direttore dell'Unione Luciano Gallo con l’intervento “Cambio di paradigma: la necessità di una visione rinnovativa alla base delle pratiche di governance e sviluppo del territorio”, che si inserisce nel tema più generale della Ri-generazione dei paesaggi di cui si è già parlato anche nel convegno DCM tenutosi il 20 aprile nella Centrale di Malnisio a Montereale Valcellina.

Un momento importante sarà dedicato al progetto Sanvito Apede, inaugurato poche settimane fa, e che ha per obiettivo la definizione di linee guida per la valorizzazione e la rigenerazione del centro storico di San Vito, in relazione alla realizzazione delle opere d'infrastruttura viaria legate all'evento Cortina 2021. Segnaliamo dunque che mercoledì 6 giugno, alle ore 14.45 (vedi programma), si realizzerà il Laboratorio di Progettazione Partecipata che rappresenta il primo momento in cui le Parti Interessate potranno esprimere i loro pareri, perplessità, volontà o idee, che verranno quindi raccolte in modo strutturato. L'incontro fa parte del percorso di discussione/condivisione delle iniziative, fase importante di Sanvido Apede

Il programma completo è scaricabile sulla destra.

Direttore del Corso: Tommaso Anfodillo

Comitato organizzatore: Tommaso Anfodillo; Tommaso Sitzia; Elena Pisani; Gianluca D'Inca' Levis; Edoardo Narne e Ester Cason Angelini

Enti sostenitori: Provincia di Belluno; Unione Montana Val Boite e Comune di San Vito di Cadore

Per informazioni:

Segreteria del Corso - Antonella Tosatto

Attualità Cultura Giovani Economia

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto