Vai menu di sezione

Convegno a Malnisio su rigenerazione e territorio

Un programma ricco quello dell'evento direct current method curato da Dolomiti contemporanee venerdì 20 aprile presso l'ex Centrale Idroelettrica di Malnisio. Le due sessioni prevedono:

 

Sessione mattutina dalle ore 9.30 alle ore 13.00 durante la quale si alterneranno diversi interventi tra cui:

- L'ex Centrale idroelettrica A. Pitter di Malnisio a cura di Igor Alzetta, Sindaco di Montereale Valcellina.

- “Cambio di paradigma: la necessità di una visione rinnovativa alla base delle pratiche di governance e sviluppo del territorio”, relatore: Luciano Gallo, Direttore dell'UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane.

- “Il Malnisio Science Festival” con Eleonora Gobbato, Assessore al Turismo del Comune di Montereale Valcellina, codirettrice del Malnisio Science Festival.

- “Riuso del Patrimonio perduto nel Paesaggio dolomitico: il riscatto del Bene attraverso un modello rigeneratore di cultura operativa” con Gianluca D’Incà Levis, curatore di Dolomiti Contemporanee.

- “L'affaire Ostana, un caso di rivitalizzazione molteplice” a cura di Antonio De Rossi, Docente DAD Politecnico di Torino, direttore della Rivista di Architettura montana, scrittore.

- “prometheus_lab: pratica di rigenerazione del paesaggio remoto attraverso l'esplorazione dell'edibile” con Lorenzo Barbasetti Di Prun, iniziatore del prometheus open food lab.

 

Sessione pomeridiana dalle ore 14.30 alle ore 18.00

- “Politiche di rigenerazione territoriale e del patrimonio industriale” a cura di Cristina Natoli, MiBACT e membro del direttivo AIPAI.

- “Centrale Fies a Dro (Tn): un caso d'archeologia industriale rigenerata attraverso l'arte contemporanea” con Dino Sommadossi, Presidente Centrale FIES.

- “Trentino Brand New: dalla creazione di nuovi immaginari territoriali a un laboratorio politico” di Virginia Sommadossi, project developer Centrale Fies.

- “Il Lanificio Paoletti di Follina (Tv): rilancio dell'attività storica e impresa creativa” con Paolo Paoletti, CEO Lanificio Paoletti.

- “Il Centro Studi Ambiente Alpino di san Vito di Cadore: modalità della ricerca, reti e pratiche di coprogettazione territoriale” a cura di Tommaso Anfodillo, coordinatore Centri Studi Ambiente Alpino Università degli Studi di Padova, Dipartimento TESAF.

 

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Venerdì, 13 Aprile 2018 - Ultima modifica: Giovedì, 19 Aprile 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto